Home » Silenzi

Silenzi

Tocco e rintocco,
altalena a singhiozzo
o giostra girevole
per pappagalli scalzi:
io scendo qui.
 
Mezzanotte di un giorno
senza ritorno:
attendo ma invano,
mentre scorre la vita,
ma piano.
 
Dillo allora,
o taci per sempre:
non solo la mia,
è la tua vita
che si rapprende.
 
Sfoglio le ore
ma tu le allontani,
le strappi di mano,
le spegni in cenere
di ricordo lontano.
 
Autostrada
a doppia corsia,
inversione di marcia
per destinazione
opposta alla mia.
 
Fermata,
stazione ferroviaria
in disuso. Abuso
di vanità,
lusso concesso.
 
Io scendo qui,
raccolgo
le mie piccole cose:
valigie colorate,
piene di mimose.
 
Inconsistenza,
odorosa
di verde mimosa
sullo stelo malfermo:
si piega.
 
Si spiega
col tuo silenzio, il mio
silenzio.
Fermata: città fantasma.
Sono arrivata.

Inezie simili:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.