Home » veleggiando verso Sud

veleggiando verso Sud

Da bambina non sono mai salita su una barca. Nè su una barca a vela, nè su uno dei gozzi che spesso vedevo cullati dal mare nel porto di Ineja. I gozzi hanno qualcosa di malinconico, col legno scrostato dal tempo, quasi dimenticati fra il vento e le onde.

Non sono mai salita su una barca, io che vivevo a mille passi dal mare. Su un aereo sì, la mia prima volta è stata a cinque anni. E pure su una nave da crociera, a sette anni. E anche su un traghetto, probabilmente assai prima, forse addirittura quando di anni ne avevo appena tre o quattro.

Ma barche mai. Ho dovuto prendere la residenza a Milano prima di salire su una di loro, ed è stato una decina di anni fa alle isole Eolie, sulle imbarcazioni dei pescatori che ci portavano da Lipari alle vicine Vulcano, Alicudi, Stromboli… E in Sardegna, e poi anche in Liguria, con gli amici milanesi che la barca la portavano più e meglio di una donna di mare quale io sarei.

Eppure qualche particella di spirito salmastro scorre nelle mie vene, se il rollio della barca mi placa e concilia il riposo, se l’andare accompagnando le pieghe del vento mi rallegra il cuore.

Questo week end, questo ponte del 2 giugno, per la prima volta sono stata in barca a vela, a Carloforte, con un tempo che non è stato dei più clementi e che mi ha donato solo un leggero colorito e non certo l’abbronzatura che ci si aspetterebbe da 4 giorni passati sul mare.

A Carloforte la gente parla un dialetto che sembra ligure, con le vocali strette strette e le consonanti sorde. La focaccia è quasi quella di Imperia, imbevuta d’olio e profumata. Il vino soltanto non è ligure, quello no: è profumato, denso e forte come vino sardo.

Nel week end dedicato al Giro Tonno ho avuto anche occasione di vedere la tradizionale mattanza, meno cruenta di quanto temevo, però sufficiente a farmi nascere tristezza per quei poveri tonni che finiscono sulle nostre tavole. Molto meglio allora affettare un bel pezzo di pecorino, ed aspettare così – fra sorsate di birra e morsi di formaggio – la fine della giornata.

Inezie simili:

8 Responses to “veleggiando verso Sud”

  1. e ti è piaciuta la vela?.. nemmeno io, mai stata in barca.. in quel senso li.. – mi piace l’ideal di perocino&birra :o) felice giornata yas

  2. pierthebear says:

    ciao yasmina…quanto ti capisco..la barca a vela è stupenda (ti rende partecipe al mare)..ma il mio mezzo preferito rimane il “gozzo alla genovese”è la storia del mare….ciao yas un abbraccio…ps:dimenticavo abito a 50 metri dal mare,e una barca mi servirebbe davvero iihihiihih ciao ciao

  3. ROCKPOETA says:

    Hai un modo lieve e immaginifico di scrivere. Ti leggo e vedo come se fossero davanti a me le immagini e le sensazioni che descrivi

    PS: mi piace il tuo blog spero di non fare cosa a te sgradita se lo linko

    Daniele il Rockpoeta

  4. skarbie says:

    molto curioso, leggere che hai dovuto prendere la residenza a Milano, prima di poter andare in barca…una delle tante cose strane che ci offre la vita!

  5. alessandra says:

    @ Monia: piaciuta la vela, yesss!! e anche il pecorino 😉

    @ Pier: eccoti!! era da un po’ che non ti vedevo passare, iniziavo a preoccuparmi 😉

    @ Daniele: grazie, ti ho risposto da te 🙂

    @ Skarbie: la vita non smette mai di stupirmi…. per fortuna 🙂

    buona notte mondo!

  6. PICCHU says:

    La barca e il mare sono un connubio perfetto e poi Carloforte è carina (anche se la gente un pò strana eh).

    Ma sei paradisolana?

    Bel post, ha ragione chi ti ha scritto che è leggero.

    Un bacio

  7. lorenzo81 says:

    Ciao yasmina dopo parecchio tempo ripasso di qui.. è stato un periodo lungo e non bellissimo, ti ritorno a leggere, cio’ che leggo è fantastico.. scrivi come una fotografia, bellissima..

    un abbraccio

  8. alessandra says:

    grazie a tutti… mi commuovete :-))

    @ Picchu.. non sono paradisolana, sono ligure 😉 quindi la “stranezza” dei carlofortini non la avverto eheheheh

    @ Lorenzo: spero che il periodo non bellissimo sia passato… ricambio l’abbraccio :-))

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.