Home » Volevo fare il ghost writer

Volevo fare il ghost writer

the ghost writer The Ghost Writer è stato tradotto in italiano con L’uomo nell’ombra, titolo che a mio parere si appiattisce in un banale riferimento al lato oscuro delle cose, anziché rimandare direttamente ad un contesto (quello della politica) all’interno del quale è nata quella curiosa professione che è appunto il ghost writer.

Questo lungo preambolo per dire che ieri sera mi sono lasciata convincere ad accantonare la consueta pigrizia mentale e guardare il film in lingua originale. A parte una iniziale difficoltà nell’intendere tutti i dettagli, ne è scaturita la soddisfazione per la generale comprensione, che non è stata in fin dei conti inferiore rispetto ad altri thriller visti in italiano (come dire, di solito qualche particolare mi sfugge anche in quei casi… quindi purtroppo non è questione di lingua!), accresciuta dalla soddisfazione di apprezzare la recitazione non doppiata e il testo così come è stato sceneggiato.

Il film è bello, non tanto per la trama (un ghost writer viene incaricato di portare a termine la biografia dell’ex primo ministro inglese Adam Lang, opera iniziata da un predecessore recentemente annegato, e scopre strada facendo indizi che lo portano a scoprire l’influenza della CIA nelle scelte politiche di Lang) quanto per il trattamento: il ritmo è impeccabilmente serrato, non una sola sbavatura, mentre la fotografia brumosa e minimale accresce il senso di oppressione e claustrofobia (non per altro, leggo citato Hitchcock in molta critica).

La scena iniziale e la scena finale sono magistrali: esprimono senza dire, raccontano grazie alla potenza delle immagini. Autentica cinematografia, insomma.

 

p.s. Il titolo del post scaturisce invece da una mia riflessione mattutina: il ghost writer è una professione che per parte della mia vita (primi anni dell’università se non ricordo male) ho preso in considerazione. Poi la vita mi ha portato altrove. Curiosamente. Ma sempre scrivendo per altri, più che per me.

Inezie simili:

3 Responses to “Volevo fare il ghost writer”

  1. mich says:

    L’ho visto proprio ieri sera e concordo su tutto. L’inizio e la fine sono di una potenza perfetta.

  2. Bibi says:

    ma adesso per esempio non ti piacerebbe riprendere in mano questa attività? 🙂

  3. Romina says:

    E adesso hai stimolato la mia curiosità. Vorrei proprio vedere questo film! 🙂

    Ciao!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.