Home » The West Coast

The West Coast

Quest’anno, per il secondo anno di fila, la vacanza estiva è stata un on the road negli Stati Uniti. Lo scorso Agosto avevamo percorso la costa Est, da Boston verso Nord fino a Bar Harbour; il mese scorso è stata la volta della costa Ovest, di cui avevamo già visto la parte meridionale nel 2006. L’itinerario di quest’anno si è snodato da Seattle verso San Francisco, punto di arrivo imprescindibile visto l’amore che io e Fra portiamo alla città del Golden Gate.

E’ stato un viaggio bellissimo, forse il più bello di quelli fatti finora negli USA, in quanto abbiamo attraversato zone scarsamente frequentate dal turismo europeo (in particolare italiano), che ci hanno consentito di gettare uno sguardo al di là delle grandi città, al di là del mondo patinato delle località di mare del New England o della California. Lontane dal “cuore della provincia americana”, ma nondimeno autentiche: penso in particolare alla Olympic Peninsula e alla costa meridionale dell’Oregon. La prima, occupata per gran parte da parchi nazionali, ospita altresì delle enclaves indiane; i pochi paesini che vi si trovano accolgono un turismo relativamente di nicchia, attratto dal fascino di una natura selvaggia, maestosa e tenebrosa ad un tempo. Solo negli ultimi tempi il turismo è diventato meno “naturofilo” e la penisola olimpica ha iniziato ad essere nota non soltanto per le foreste pluviali secolari e le coste plasmate dall’oceano ma anche per l’ambientazione della saga di Twilight, richiamando fans dei libri e della serie cinematografica.

Anche la costa meridionale dell’Oregon (intorno alla cittadina di Bandon), pur offrendo panorami da togliere il fiato non è certamente (forse per fortuna!) meta di turismo di massa e si rivela una zona economicamente non fiorente, in pieno contrasto con la contigua California del Nord, altrettanto bella dal punto di vista dei panorami ma piena di fricchettoni benestanti e alternativi di facciata.

Aver soggiornato sempre all’interno di piccoli, familiari B&B ci ha dato la possibilità di conoscere e conversare molto con la gente del posto, aspetto assolutamente da non sottovalutare per calarsi il più possibile all’interno dei luoghi visitati. Soltanto nelle grandi città (Seattle e San Francisco) abbiamo optato per soluzioni meno familiari.

Per San Francisco ho già dichiarato la mia passione; da Seattle non sapevo bene cosa attendermi: l’ho trovata (forse anche grazie ad un inaspettato bel tempo) affascinante, vivibile, rilassata e soprattutto ben integrata all’interno della natura che la circonda con il verde delle catene montuose e il blu del Puget Sound, il braccio di mare che si allarga in baia.

Proprio la natura è stata la protagonista assoluta di questa vacanza, con i tanti parchi visitati (gli alberi millenari della Quinault Rain Forest, le altissime sequoie della zona dei Redwoods); le spiagge dove l’alternarsi di alta e bassa marea crea pozze d’acqua dove sono visibili ricci, anemoni di mare, stelle marine; le coste rocciose dove vivono colonie di foche; i prati dove pascolano i cervi; i daini che trotterellano a breve distanza dalle persone; gli scoiattoli; le aquile; i gabbiani e i tanti altri uccelli che volano sull’acqua e nei boschi.

Per diventare il “viaggio perfetto” sarebbero bastati appena un paio di giorni in più, forse tre; tempo che ci avrebbe consentito di vedere zone che purtroppo abbiamo lasciato indietro: visitare la zona di Cannon Beach, goderci un po’ di più la piacevole cittadina di Newport, trascorrere un’altra giornata a Frisco…  Altri giorni sarebbero serviti invece per spingerci nell’interno dell’Oregon, che pare sia altrettanto bello e molto vario dal punto di vista paesaggistico. Così il Nord-Ovest non viene depennato dalla lista di possibili viaggi futuri, ma anzi rimane in bella evidenza come posto dove tornare assolutamente.

Le foto scattate sono state tantissime; quelle selezionate numerose; una sotto-sotto-selezione (comunque piuttosto ampia) è visibile su Flickr.

Inezie simili:

4 Responses to “The West Coast”

  1. Titti says:

    Bellissimo il tuo racconto e bellissime anche le foto! Non ho mai visitato l’Oregon e conosco poco anche la California del Nord. Mi hai invogliata a tornare…chissà quando!!!
    A presto!

  2. alessandra says:

    Grazie Titti, è una zona che ti consiglio veramente! Tra l’altro, ho apprezzato moltissimo il fatto che nella zona Nord (in particolare nello stato dello Washington) hanno una attenzione particolare all’ambiente, al risparmio energetico, ai consumi klilometro zero… a Seattle come nei paesini sperduti dell’Olympic park persino nei supermercati trovi l’angolo con i prodotti ortofrutticoli delle fattorie locali! 🙂

  3. Ho fatto più o meno il tuo stesso viaggio esattamente un anno fa ma in direzione opposta (LA-Seattle con una puntatina a Vancouver), e mi è piaciuto talmente tanto che adesso ci vivo, sulla West Coast! Belle le foto ed il tuo racconto 🙂

  4. Barbara says:

    bè ormai lo sai che qui io sono invidiosissima ^_^

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.